Torino – Mercoledì, 17 Ottobre 2018 09:45


…una bella mattina di completa Vittoria!
Nel Nome di Gesù!

Un bel verso prima della preghiera…
la disposizione del nostro cuore e pensiero:

Salmi 19:13-14 LND
13 Preserva inoltre il tuo servo dai peccati volontari, e fa che non signoreggino su di me; allora io sarò integro e sarò puro da grandi trasgressioni.
14 Siano gradite davanti a te le parole della mia bocca e la meditazione del mio cuore, o Eterno, mia rocca e mio redentore.

pastore


 

Dal ministro Enzo Luongo, co-pastore della chiesa di Torino…

[02:50, 17/10/2018] Enzo Luongo:
Fratelli questo per me è manna dal cielo, Dvb

Il Signore ha provato gelosia per il suo paese e ha avuto pietà del suo popolo. Il Signore ha risposto e ha detto al suo popolo: «Ecco, io vi manderò grano, vino, olio, e voi ne sarete saziati; e non vi esporrò più all’infamia tra le nazioni. Allontanerò da voi il nemico che viene dal settentrione, lo respingerò verso una terra arida e desolata: la sua avanguardia, verso il mare orientale, la sua retroguardia, verso il mare occidentale; la sua infezione salirà, aumenterà il suo fetore», perché ha fatto cose grandi. Non temere, o terra del paese, gioisci, rallègrati, perché il Signore ha fatto cose grandi! Non temete, o animali selvatici, perché i pascoli del deserto rinverdiscono, perché gli alberi portano il loro frutto, il fico e la vite producono abbondantemente! Voi, figli di Sion, gioite, rallegratevi nel Signore , vostro Dio, perché vi dà la pioggia d’autunno in giusta misura e fa scendere per voi la pioggia, quella d’autunno e quella di primavera, come prima. Le aie saranno piene di grano, i tini traboccheranno di vino e d’olio. «Vi compenserò delle annate divorate dal grillo, dalla cavalletta, dalla locusta e dal bruco, il grande esercito che avevo mandato contro di voi. Mangerete a sazietà e loderete il nome del Signore , vostro Dio, che avrà operato per voi meraviglie, e il mio popolo non sarà mai più coperto di vergogna. Conoscerete che io sono in mezzo a Israele, che io sono il Signore , vostro Dio, e non ce n’è nessun altro; e il mio popolo non sarà mai più coperto di vergogna. Dopo questo, avverrà che io spargerò il mio Spirito su ogni persona: i vostri figli e le vostre figlie profetizzeranno, i vostri vecchi faranno dei sogni, i vostri giovani avranno delle visioni. Anche sui servi e sulle serve spargerò in quei giorni il mio Spirito. Farò prodigi nei cieli e sulla terra: sangue, fuoco e colonne di fumo. Il sole sarà cambiato in tenebre e la luna in sangue, prima che venga il grande e terribile giorno del Signore . Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato ; poiché sul monte Sion e a Gerusalemme vi sarà salvezza, come ha detto il Signore , così pure fra i superstiti che il Signore chiamerà.
Gioele 2:18‭-‬32 NR06

Dio benedica la bella chiesa di Torino!
Grazie caro fratello Enzo per la tua sensibilità e condivisione con la chiesa…

[05:56, 17/10/2018] Pedro A. Guzmán Ávila 📱: Una bella ed incoraggiante parola del Signore❣ …quando tutto sembra quasi perso, ma il nostro amore verso di LUI è davanti – Dio fa! Dà LA PIOGGIA D’AUTUNNO IN GIUSTA MISURA [ COME PRIMA❣ ]

Figli di Sion… gioite, rallegratevi nel Signore!
Oggi, ho riposato… La mia sveglia arriva alle 5:43 per pregare…
…mi trovo questo messaggio!
…inizio il mio tempo di preghiera, a dopo, questo è bello: senza iniziare a parlare con il mio Signore, e Lui già mi ha risposto… Yes❣

A dopo fratelli…

un abbraccio santo questa mattina… pastore –

Parole edificanti… per la Sua chiesa in tutto il mondo…

Buongiorno a tutti voi…

Solamente perché siamo nella volontà di Dio non significa che non soffriremo. È nella sofferenza che impariamo a dipendere da Dio per ogni cosa e in ogni situazione. Dio è il fedele Creatore, e non ci abbandona mai. Quindi, continuiamo a fare bene e a servire Dio con tutto il nostro cuore, con tutta la nostra mente, con tutta la nostra forza e con tutta la nostra anima.

“Perciò anche quelli che soffrono secondo la volontà di Dio, raccomandino a lui le proprie anime, come al fedele Creatore, facendo il bene.” (I Pietro 4:19)

E la preghiera fa la differenza nella sofferenza.

Una buona giornata e Dio vi benedica. KA – Catania / la bella Sicilia
Mercoledì, 17 Ottobre 2018 07:50 – [ condiviso dal pastore ]


Dal ministro Bruno Brocchetta…

Marco 4
“26 Diceva ancora: «Il regno di Dio è come un uomo che getti il seme nel terreno, 27 e dorma e si alzi, la notte e il giorno; il seme intanto germoglia e cresce senza che egli sappia come. 28 La terra da sé stessa dà il suo frutto: prima l’erba, poi la spiga, poi nella spiga il grano ben formato. 29 Quando il frutto è maturo, subito il mietitore vi mette la falce perché l’ora della mietitura è venuta».”

Dobbiamo essere uomini di Dio seminatori, spartitori di semi!
E Dio porterà il frutto!

Quale pianta può nascere se non viene gettato un seme in terra fertile?

Portare frutto
La parola chiave per me oggi!  – Dvb cari fratelli…

[09:33, 17/10/2018] Bruno Brocchetta:

Luca 13:6-9
6 Disse anche questa parabola: «Un tale aveva un fico piantato nella sua vigna “andò a cercarvi del frutto e non ne trovò. 7 Disse dunque al vignaiolo: “Ecco, sono ormai tre anni che vengo a cercar frutto da questo fico, e non ne trovo; taglialo; perché sta lì a sfruttare il terreno?” 8 Ma l’altro gli rispose: “Signore, lascialo ancora quest’anno; gli zapperò intorno e gli metterò del concime. 9 Forse darà frutto in avvenire; se no, lo taglierai”».”

Chi vuole essere un albero
Che occupa spazio in un terreno fertile ( che sfrutta il terreno solo per viverci e prosperare lui) ma senza portare frutto?

Il frutto deve arrivare in ogni uno di noi!
Ogni albero porta il frutto non per se stesso ma per chi ne può mangiare.

Ma se il frutto non viene pur essendo un albero da frutta per cosa lo tiene chi lo ha piantato?

Che succederà se dopo averlo zappato intorno,concimato, annaffiato continuerà a non portar frutto?

Giov 15:1 «Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. 2 Ogni tralcio che in me non dà frutto, lo toglie via; e ogni tralcio che dà frutto, lo pota affinché ne dia di più. 3 Voi siete già puri a causa della parola che vi ho annunziata.
“4 Dimorate in me, e io dimorerò in voi. Come il tralcio non può da sé dar frutto se non rimane nella vite, così neppure voi, se non dimorate in me. 5 Io sono la vite, voi siete i tralci. Colui che dimora in me e nel quale io dimoro, porta molto frutto; perché senza di me non potete far nulla. 6 Se uno non dimora in me, è gettato via come il tralcio, e si secca; questi tralci si raccolgono, si gettano nel fuoco e si bruciano. 7 Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quello che volete e vi sarà fatto. 8 In questo è glorificato il Padre “mio: che portiate molto frutto, così sarete miei discepoli. 9 Come il Padre mi ha amato, così anch’io ho amato voi; dimorate nel mio amore. 10 Se osservate i miei comandamenti, dimorerete nel mio amore; come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e dimoro nel suo amore. 11 Vi ho detto queste cose, affinché la mia gioia dimori in voi e la vostra gioia sia completa.

La sua parola dice :(verso 8)
Che il Padre nostro é glorificato quando è se portiamo MOLTO frutto!
MOLTO! No poco, un pochetto, qualche frutto! Ma Mooolto frutto!

Chi vuole avere un albero da frutta che produce qualche frutto qua e là?

A che serve?

Un albero, una vite, una pianta devono portare frutto in abbondanza!

🍎🍏🍒🍇🍓
(Verso 8)
Allora portando MOLTO frutto così sarete miei discepoli!

Geremia 17:5-8
“5 Così parla il SIGNORE: «Maledetto l’uomo che confida nell’uomo e fa della carne il suo braccio, e il cui cuore si allontana dal SIGNORE! 6 Egli è come una tamerice nel deserto: quando giunge il bene, egli non lo vede; abita in luoghi aridi, nel deserto, in terra salata, senza abitanti. 7 Benedetto l’uomo che confida nel SIGNORE, e la cui fiducia è il SIGNORE! 8 Egli è come un albero piantato vicino all’acqua, che distende le sue radici lungo il fiume; non si accorge quando viene la calura e il suo fogliame rimane verde; nell’anno della siccità non è in affanno e non cessa di portar frutto».”

Dvb cari fratelli… PdC! – Ministro Bruno Brocchetta


 

[07:45, 17/10/2018] Giuseppe Famularo:

1 Cr 9:1 Così tutti gli Israeliti furono registrati secondo le genealogie e furono iscritti nel libro dei re d’Israele. Ma Giuda fu deportato a Babilonia, a motivo delle sue infedeltà…

Pastore – PDCG stavo leggendo questo e tu hai inviato integrità…

[07:56, 17/10/2018] Giuseppe Famularo:

Gv 8:12 E Gesù di nuovo parlò loro, dicendo: «Io sono la luce del mondo; chi mi segue non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita»

La risposta esatta per iniziare a essere integri, seguirlo sia quando siamo in mezzo al popolo (la chiesa) si quando siamo fuori (nel mondo) senza il suo pensare, senza il suo agire e senza la guida del suo spirito non possiamo mai essere integri e state nella luce.
Un pensiero sbagliato una parola sbagliata non basta dire che siamo di Cristo ma dobbiamo mettere in atto secondo dopo secondo respiro dopo respiro la sua parola. No perché sono a lavoro o perché la chiesa non mi ascolta e mi sente io posso sbagliare, grido o parlo male o tratto male, se dobbiamo essere il suo riflesso dobbiamo vivere sotto la luce in totalità…

La Luna è illuminata perché la luce del Sole cade su di essa così come sulla Terra. Trattandosi di un satellite, la Luna non brilla di luce propria, quindi si può affermare che la luce lunare altro non è che luce solare riflessa dalla Terra

Noi siamo come la luna, la luna riflette con la luce del sole se no sarebbe buia nera (tenebre)
Anche noi così senza Cristo siamo neri abbattuti nervosi arrabbiati con tutti, invece la sua luce riflette su di noi e noi come la luna dobbiamo riflettere la luce di Cristo nelle tenebre del mondo…

Dalla Sorella Giovanna:

QUESTO FATTO, COME DISCEPOLO DI CRISTO, MI FA MOLTO RIFLETTERE…

Molti anni fa c’era un grande violinista; studiava in uno dei migliori conservatori del mondo.

Una sera, durante un concerto suonò per due ore e quando si fermò migliaia di persone, che l’avevano ascoltato estasiate, si alzarono in piedi gridando: “Ancora! Ancora!”. L’artista prese il violino e andò dietro al sipario. Il suo manager gli disse: “Esci! Gridano che vogliono sentirti ancora”. Il violinista rispose: No, non esco”. “Perché? Non abbiamo mai visto tanta gente così, non hai mai suonato così bene, perché non esci?”. Il violinista aprì uno spiraglio e lo invitò a guardare dicendo: “Vedi quell’uomo anziano seduto in prima fila? Non è in piedi, non batte le mani, non grida…”. “Ma sei pazzo? C’è tanta gente che grida ed applaude, e tu non esci per un uomo soltanto che non ti richiede?. “Quell’uomo è il mio maestro, mi ha insegnato tutto quello che so! Non mi interessa quello che dice la gente, ho fatto qualche errore e il mio maestro non è contento. Io voglio che il mio maestro sia soddisfatto di me!”. Non mi importa quello che pensa il mondo di me, neanche quelli che scrivono di me…

Quello che voglio sapere non è quello che pensa di me la gente ma quello che il mio Signore, il mio Maestro Gesù, pensa di me! Egli mi ha salvato, mi ha amato, mi ha ammaestrato… Sono stato fedele? Di questo anche tu devi preoccuparti! Credito: Charles Greenaway

[08:42, 17/10/2018] Giuseppe Famularo: Un post scritto dal pastore Silano su Facebook che mi ha colpito (Sor Giovanna)


Una bella giornata in Cristo Gesù! – pastore

Dio benedica la Sua bella chiesa oggi! Nel Nome di Gesù!