Levitico 14

Legge per la purificazione dei lebbrosi guariti
1 L’Eterno parlò ancora a Mosè, dicendo: 2 «Questa è la legge relativa al lebbroso per il giorno della sua purificazione. Egli sarà portato dal sacerdote. 3 Il sacerdote uscirà dal campo e lo esaminerà e se la piaga della lebbra è guarita nel lebbroso, 4 il sacerdote ordinerà di prendere per colui che dev’essere purificato due uccelli vivi e puri, del legno di cedro, dello scarlatto e dell’issopo. 5 Il sacerdote ordinerà che si sgozzi uno degli uccelli in un vaso d’argilla su acqua corrente. 6 Poi prenderà l’uccello vivo, il legno di cedro, lo scarlatto e l’issopo, e li immergerà, con l’uccello vivo, nel sangue dell’uccello sgozzato sull’acqua corrente. 7 Lo spruzzerà quindi sette volte su colui che deve essere purificato dalla lebbra; lo dichiarerà puro e lascerà andar libero per i campi l’uccello vivo. 8 Colui che deve essere purificato laverà le sue vesti, raderà tutti i suoi peli, si laverà nell’acqua e sarà puro. Dopo questo potrà entrare nel campo, ma resterà sette giorni fuori della sua tenda. 9 Il settimo giorno raderà tutti i peli del suo capo, della sua barba e delle sue ciglia; raderà insomma tutti i suoi peli. Laverà le sue vesti e laverà il suo corpo nell’acqua e sarà puro.

 


la nostra storia e successione apostolica…
una storia d’amore… sofferente e nella Sua passione!

pastore e moglie
pastore@Antioca.it