1 Samuele 4:1-5

1 La parola di Samuele era rivolta a tutto Israele. Or Israele uscì a combattere contro i Filistei e si accampò presso Eben-Ezer, mentre i Filistei erano accampati presso Afek. 2 Poi i Filistei si schierarono in ordine di battaglia contro Israele; infuriò un gran combattimento, ma Israele fu sconfitto dai Filistei, che uccisero sul campo di battaglia circa quattromila uomini. 3 Quando il popolo fece ritorno nell’accampamento, gli anziani d’Israele dissero: «Perché l’Eterno ci ha oggi sconfitti davanti ai Filistei? Andiamo a prendere a Sciloh l’arca del patto dell’Eterno, perché venga in mezzo a noi e ci salvi dalle mani dei nostri nemici!». 4 Così il popolo mandò a Sciloh a prendere di là l’arca del patto dell’Eterno degli eserciti che siede fra i cherubini, e i due figli di Eli, Hofni e Finehas, erano là con l’arca del patto di DIO. 5 Quando l’arca del patto dell’Eterno entrò nell’accampamento, tutto Israele esplose in un grido di gioia così forte che la terra stessa tremò.

1 Samuele 5:1-5

1 Allora i Filistei presero l’arca di DIO e la trasportarono da Eben-Ezer a Ashdod; 2 poi i Filistei presero l’arca di DIO, la portarono nel tempio di Dagon e la posarono accanto a Dagon. 3 Il giorno dopo gli abitanti di Ashdod si alzarono presto, ed ecco Dagon era caduto con la faccia a terra davanti all’arca dell’Eterno. Così presero Dagon e lo rimisero al suo posto. 4 Il giorno dopo si alzarono presto, ed ecco Dagon era di nuovo caduto con la faccia a terra davanti all’arca dell’Eterno, mentre la testa di Dagon e ambedue le palme delle sue mani giacevano troncate sulla soglia; di Dagon rimaneva solo il tronco. 5 Perciò, fino al giorno d’oggi, i sacerdoti di Dagon e tutti quelli che entrano nel tempio di Dagon non mettono piede sulla soglia di Dagon in Ashdod.

1 Samuele 6:1-5

1 L’arca dell’Eterno rimase nel paese dei Filistei sette mesi. 2 Poi i Filistei convocarono i sacerdoti e gli indovini e dissero: «Che dobbiamo fare dell’arca dell’Eterno? Indicateci il modo con cui dobbiamo rimandarla al suo luogo». 3 Allora essi risposero: «Se rimandate l’arca del DIO d’Israele, non rimandatela vuota, ma dovete mandargli almeno un’offerta di riparazione; allora guarirete e saprete perché la sua mano non si allontanava da voi». 4 Essi chiesero: «Quale offerta di riparazione gli manderemo noi?». Quelli risposero: «Cinque emorroidi d’oro e cinque topi d’oro secondo il numero dei principi dei Filistei, perché la stessa piaga ha colpito voi e i vostri principi. 5 Fate dunque delle raffigurazioni delle vostre emorroidi e delle raffigurazioni dei vostri topi che devastano il paese, e date gloria al DIO d’Israele; forse egli allenterà la sua mano su di voi, sui vostri dèi e sul vostro paese.

1 Samuele 7:1-5

1 Allora gli uomini di Kiriath-Jearim vennero, portarono su l’arca dell’Eterno e la collocarono in casa di Abinadab sulla collina, e consacrarono suo figlio Eleazar, perché custodisse l’arca dell’Eterno. 2 Da quando l’arca era stata posta a Kiriath-Jearim, era trascorso molto tempo; erano passati vent’anni e tutta la casa d’Israele si lamentava con l’Eterno. 3 Allora Samuele parlò a tutta la casa d’Israele, dicendo: «Se tornate all’Eterno con tutto il vostro cuore, togliete da mezzo a voi gli dèi stranieri e le Ashtaroth e tenete il vostro cuore fermo nell’Eterno e servite a lui solo, allora egli vi libererà dalle mani dei Filistei». 4 Così i figli d’Israele tolsero via i Baal e le Ashtaroth e servirono solamente l’Eterno. 5 Poi Samuele disse: «Radunate tutto Israele a Mitspah e io pregherò l’Eterno per voi».

1 Samuele 8:1-5

1 Quando Samuele diventò vecchio costituì giudici d’Israele i suoi figli. 2 Il primogenito si chiamava Joel e il secondo Abiah; essi facevano i giudici a Beer-Sceba. 3 I suoi figli però non seguivano le sue orme, ma si lasciavano sviare da guadagni illeciti, accettavano regali e pervertivano la giustizia. 4 Allora tutti gli anziani d’Israele si radunarono, vennero da Samuele a Ramah, 5 e gli dissero: «Ecco, tu ormai sei vecchio e i tuoi figli non seguono le tue orme; or dunque stabilisci su di noi un re che ci governi come avviene per tutte le nazioni».