2Samuele 22:1-5

1 Davide rivolse all’Eterno le parole di questo cantico nel giorno che l’Eterno lo liberò dalla mano di tutti i suoi nemici e dalla mano di Saul. Egli disse: 2 «L’Eterno è la mia rocca, la mia fortezza e il mio liberatore, 3 il mio Dio, la mia rupe in cui mi rifugio, il mio scudo, la potenza della mia salvezza, il mio alto rifugio, il mio asilo. O mio salvatore, tu mi salvi dalla violenza! 4 Io invoco l’Eterno che è degno di essere lodato, e sono salvato dai miei nemici. 5 Le onde della morte mi avevano circondato e i torrenti della distruzione mi avevano spaventato.

2Samuele 23:1-5

1 Queste sono le ultime parole di Davide. Così dice Davide, figlio di Isai, così dice l’uomo che fu elevato in alto, l’unto del DIO di Giacobbe, il dolce cantore d’Israele: 2 «Lo Spirito dell’Eterno ha parlato per mezzo mio e la sua parola è stata sulle mie labbra. 3 Il DIO d’Israele ha parlato, la Rocca d’Israele mi ha detto: “Colui che regna sugli uomini con giustizia, colui che regna col timore di DIO, 4 è come la luce del mattino al sorgere del sole, in un mattino senza nuvole, come lo splendore dopo la pioggia, che fa spuntare l’erbetta dalla terra”. 5 Non è forse così la mia casa davanti a DIO? Poiché egli ha stabilito con me un patto eterno, ordinato in ogni cosa e sicuro. Non farà egli germogliare la mia completa salvezza e tutto ciò che io desidero?

2Samuele 24:1-5

1 L’ira dell’Eterno si accese di nuovo contro Israele e incitò Davide contro il popolo, dicendo: «Va’ a fare il censimento d’Israele e di Giuda». 2 Così il re disse a Joab, il capo dell’esercito che era con lui: «Va’ in giro per tutte le tribù d’Israele, da Dan fino a Beer-Sceba, e fate il censimento del popolo perché io ne conosca il numero». 3 Joab rispose al re: «L’Eterno, il tuo DIO, moltiplichi il popolo cento volte più di quello che è, e possano gli occhi del re, mio signore, vedere ciò. Ma perché il re mio signore desidera questo?». 4 Tuttavia l’ordine del re prevalse su Joab e sui capi dell’esercito. Così Joab e i capi dell’esercito lasciarono la presenza del re per andare a fare il censimento del popolo d’Israele. 5 Passarono il Giordano e si accamparono ad Aroer, a destra della città che è in mezzo alla valle di Gad e verso Jazer.