2 Re 20:1-5

1 In quei giorni Ezechia si ammalò mortalmente. Allora il profeta Isaia, figlio di Amots, si recò da lui e gli disse: «Così parla l’Eterno: “Metti la tua casa in ordine, perché morirai e non guarirai”». 2 Egli allora voltò la faccia verso la parete e pregò l’Eterno, dicendo: 3 «Ti supplico, o Eterno, ricordati come ho camminato davanti a te con fedeltà e con cuore integro e ho fatto ciò che è bene ai tuoi occhi». Poi Ezechia scoppiò in un gran pianto. 4 Isaia non era ancora giunto al cortile centrale che la parola dell’Eterno gli fu rivolta dicendo: 5 «Torna indietro e di’ a Ezechia, principe del mio popolo: “Così parla l’Eterno, il DIO di Davide tuo padre: Ho udito la tua preghiera e ho visto le tue lacrime; ecco, io ti guarisco; nel terzo giorno salirai alla casa dell’Eterno.

2 Re 21:1-5

1 Manasse aveva dodici anni quando iniziò a regnare, e regnò cinquantacinque anni a Gerusalemme. Sua madre si chiamava Heftsibah. 2 Egli fece ciò che è male agli occhi dell’Eterno, secondo le abominazioni delle nazioni che l’Eterno aveva scacciato davanti ai figli d’Israele. 3 Egli ricostruì gli alti luoghi che Ezechia suo padre aveva distrutto, eresse altari a Baal, fece un’Ascerah come aveva fatto Achab, re d’Israele; e adorò tutto l’esercito del cielo e lo servì. 4 Inoltre eresse altari nella casa dell’Eterno, riguardo alla quale l’Eterno aveva detto: «In Gerusalemme porrò il mio nome». 5 Eresse altari a tutto l’esercito del cielo nei due cortili della casa dell’Eterno.

2 Re 22:1-5

1 Giosia aveva otto anni quando iniziò a regnare, e regnò trentun anni a Gerusalemme. Sua madre si chiamava Jedidah, figlia di Adaiah di Botskath. 2 Egli fece ciò che è giusto agli occhi dell’Eterno e seguì in tutto la via di Davide suo padre, senza deviare né a destra né a sinistra. 3 Nell’anno diciottesimo del re Giosia, avvenne che il re mandò nella casa dell’Eterno Shafan, il segretario, figlio di Atsaliah, figlio di Meshullam, dicendo: 4 «Sali dal sommo sacerdote Hilkiah e digli che metta assieme il denaro che è stato portato nella casa dell’Eterno e che i portinai hanno raccolto dal popolo. 5 Lo si consegni nelle mani di coloro che fanno il lavoro, a cui è affidata la sorveglianza della casa dell’Eterno; e questi lo consegnino agli operai che sono nella casa dell’Eterno per riparare i guasti del tempio:

[spreaker type=player resource="episode_id=14577074" width="100%" height="350px" theme="light" playlist="show" playlist-continuous="false" autoplay="false" live-autoplay="false" chapters-image="true" hide-logo="false" hide-likes="false" hide-comments="false" hide-sharing="false" ]
[spreaker type=player resource="episode_id=14643199" width="100%" height="350px" theme="dark" playlist="show" playlist-continuous="false" autoplay="false" live-autoplay="false" chapters-image="true" hide-logo="false" hide-likes="false" hide-comments="false" hide-sharing="false" ]