Zaccaria 1:1-5

1 Nell’ottavo mese del secondo anno di Dario, la parola dell’Eterno fu rivolta a Zaccaria, figlio di Berekiah, figlio di Iddo, il profeta, dicendo: 2 «L’Eterno è stato grandemente adirato contro i vostri padri. 3 Perciò di’ loro: Così dice l’Eterno degli eserciti: Tornate a me, dice l’Eterno degli eserciti, e io tornerò a voi», dice l’Eterno degli eserciti. 4 «Non siate come i vostri padri, ai quali i profeti del passato hanno proclamato, dicendo: “Così dice l’Eterno degli eserciti: Convertitevi dalle vostre vie malvagie e dalle vostre malvagie azioni”. Ma essi non diedero ascolto e non prestarono attenzione a me», dice l’Eterno. 5 «I vostri padri, dove sono? E i profeti vivono forse per sempre?

Zaccaria 2:1-5

1 Quindi alzai gli occhi e guardai, ed ecco un uomo che aveva in mano una corda per misurare. 2 Gli domandai: «Dove vai?». Egli mi rispose: «Vado a misurare Gerusalemme, per vedere qual è la sua larghezza e qual è la sua lunghezza». 3 Ed ecco, l’angelo che parlava con me si fece avanti, e un altro angelo gli uscì incontro, 4 e gli disse: «Corri, parla a quel giovane e digli: Gerusalemme sarà abitata come una città senza mura, per la moltitudine di uomini e di animali che ci saranno in essa. 5 Poiché io», dice l’Eterno, «sarò per lei un muro di fuoco tutt’intorno e sarò la sua gloria in mezzo a lei».

Zaccaria 3:1-5

1 Poi mi fece vedere il sommo sacerdote Giosuè, che stava ritto davanti all’angelo dell’Eterno, e Satana che stava alla sua destra per accusarlo. 2 L’Eterno disse a Satana: «Ti sgridi l’Eterno, o Satana! , l’Eterno che ha scelto Gerusalemme ti sgridi! Non è forse costui un tizzone strappato dal fuoco?». 3 Or Giosuè era vestito di vesti sudicie e stava ritto davanti all’angelo, 4 il quale prese a dire a quelli che gli stavano davanti: «Toglietegli di dosso quelle vesti sudicie!». Poi disse a lui: «Guarda, ho fatto scomparire da te la tua iniquità e ti farò indossare abiti magnifici». 5 Io quindi dissi: «Mettano sul suo capo un turbante puro». Così essi gli misero in capo un turbante puro e gli fecero indossare delle vesti, mentre l’Angelo dell’Eterno era  presente.

Zaccaria 4:1-5

1 Quindi l’angelo che parlava con me tornò e mi svegliò come si sveglia uno dal sonno. 2 E mi domandò: «Che cosa vedi?». Risposi: «Ecco, vedo un candelabro tutto d’oro che ha in cima un vaso, su cui ci sono sette lampade con sette tubi per le sette lampade che stanno in cima. 3 Vicino ad esso stanno due ulivi, uno a destra del vaso e l’altro alla sua sinistra». 4 Così presi a dire all’angelo che parlava con me: «Signor mio, che cosa significano queste cose?». 5 L’angelo che parlava con me rispose e mi disse: «Non comprendi ciò che significano queste cose?». Io dissi: «No, mio signore».

Zaccaria 5:1-5

1 Poi alzai nuovamente gli occhi e guardai, ed ecco un rotolo che volava. 2 L’angelo mi disse: «Che cosa vedi?». Io risposi: «Vedo un rotolo che vola; la sua lunghezza è di venti cubiti e la sua larghezza di dieci cubiti». 3 Allora egli mi disse: «Questa è la maledizione che si sta spargendo su tutto il paese; perché da ora in poi, chiunque ruba sia reciso da esso e chiunque da ora in poi giura, sarà reciso da esso. 4 Io la farò uscire», dice l’Eterno degli eserciti, «ed essa entrerà nella casa del ladro e nella casa di colui che giura falsamente nel mio nome; rimarrà in quella casa e la consumerà insieme col suo legname e le sue pietre».5 Quindi l’angelo che parlava con me uscì e mi disse: «Alza gli occhi e guarda che cosa è ciò che sta uscendo».

Zaccaria 6:1-5

1 Alzai ancora gli occhi e guardai, ed ecco, quattro carri che uscivano in mezzo a due monti; e i monti erano monti di bronzo. 2 Nel primo carro c’erano cavalli rossi, nel secondo carro cavalli neri, 3 nel terzo carro cavalli bianchi e nel quarto carro cavalli fortemente chiazzati. 4 Allora presi a dire all’angelo che parlava con me: «Signore mio, e questi?». 5 L’angelo rispose e mi disse: «Questi sono i quattro spiriti del cielo che escono dopo essere stati alla presenza del Signore di tutta la terra.

Zaccaria 7:1-5

1 Nel quarto anno del re Dario, il quarto giorno del nono mese, che è Kislev, avvenne che la parola dell’Eterno fu rivolta a Zaccaria. 2 Avevano mandato Sharetser, assieme a Reghemmelek e i suoi uomini, a Bethel per implorare il favore dell’Eterno, 3 e per parlare ai sacerdoti che erano nella casa dell’Eterno degli eserciti e ai profeti, dicendo: «Devo piangere il quinto mese e digiunare come ho fatto per tanti anni?». 4 Allora la parola dell’Eterno degli eserciti mi fu rivolta, dicendo: 5 «Parla a tutto il popolo del paese e ai sacerdoti e di’: “Quando avete digiunato e fatto cordoglio nel quinto e nel settimo mese durante questi settant’anni, avete veramente digiunato per me, proprio per me? 6