Giobbe 5:1-5

1 «Grida pure! C’è forse qualcuno che ti risponde? A chi tra i santi ti rivolgerai? 2 L’ira infatti uccide lo stolto, e la gelosia fa morire lo sciocco. 3 Ho visto lo stolto mettere radici, ma ben presto ho maledetto la sua dimora. 4 I suoi figli non hanno alcuna sicurezza, sono oppressi alla porta, e non c’è alcuno che li difenda. 5 L’affamato divora la sua messe, gliela porta via anche tra le spine, e un laccio ne divora i beni.

Giobbe 6:1-5

1 Allora Giobbe rispose e disse: 2 «Ah, se il mio dolore fosse interamente pesato, e la mia sventura si mettesse insieme sulla bilancia, 3 sarebbe certamente più pesante della sabbia del mare! Per questo le mie parole sono state sconsiderate. 4 Poiché le frecce dell’Onnipotente sono dentro di me, il mio spirito ne beve il veleno; i terrori di Dio sono schierati contro di me. 5 L’asino selvatico raglia forse di fronte all’erba, o muggisce il bue davanti al suo foraggio?

Giobbe 7:1-5

1 «Non compie forse un duro lavoro l’uomo sulla terra, e i suoi giorni non sono come i giorni di un bracciante? 2 Come lo schiavo sospira l’ombra e come il bracciante aspetta il suo salario, 3 così a me sono toccati in sorte mesi di calamità e mi sono state assegnate notti di dolore. 4 Appena mi corico, dico: “Quando mi alzerò?”. Ma la notte si prolunga e sono continuamente agitato fino all’alba. 5 La mia carne è coperta di vermi e di zolle di terra, la mia pelle si screpola ed è ripugnante.