ponderare v. tr. [dal lat. ponderare «pesare, giudicare», der. di pondus –dĕris «peso»] (io pòndero, ecc.). – 1. In senso proprio, ant. e raro, pesare, e anche gravare, gravitare. 2. fig. Considerare con la mente, valutare, riflettere attentamente su ciò che si sta per dire o fare, sugli elementi di giudizio, ecc.: p. il pro e il controi vantaggi e gli svantaggipondera bene le parole!; anche assol.: hai ben ponderato?ponderate bene prima di decideresegga Altri a consiglioe ponderie discutaE ondeggie indugiinfin che manchi il tempo (Alfieri). 3. In matematica, attribuire un peso a certe grandezze delle quali s’intende fare una media (v. ponderato, nel sign. 3 a). ◆ Part. pass. ponderato, anche come agg., e con accezioni partic. (v. la voce). ( TRECCANI )

«Vanità delle vanità», dice il Predicatore, «tutto è vanità».

Il Predicatore, oltre ad essere un saggio, ha anche insegnato al popolo la conoscenza e ha ponderato, ricercato e messo in ordine un gran numero di proverbi.

10 Il Predicatore si è studiato di trovare parole piacevoli; e le cose scritte sono giuste e vere.

11 Le parole dei saggi sono come pungoli e le raccolte dei dotti sono come chiodi ben piantati; esse sono date da un solo Pastore.

12 Figlio mio, sta’ in guardia di tutto ciò che va al di là di questo. Si scrivono tanti libri, ma non si finisce mai, e il molto studiare affatica il corpo.

13 Ascoltiamo dunque la conclusione di tutto il discorso: «Temi DIO e osserva i suoi comandamenti, perché questo è il tutto dell’uomo».

14 Poiché DIO farà venire in giudizio ogni opera, anche tutto ciò che è nascosto, sia bene o male. PROVERBI 12:8-14 ( LND )

LISTA secondo un giornale su 5 abitudini – ingredienti di una persona di successo oggi…

1. svegliarsi presto al mattino
2. registrare il progresso, svolgimento passo a passo
3. esercizio fisico, riposo mentale… dinamico
4. scollegarsi di tutto coscientemente, temporalmente
5. una cosa alla volta… focalizzato

questo porterà secondo loro inevitabilmente risultati positivi…

diversi commenti, esempi della filosofia del mondo…
quanto più La Parola di Dio! il resto è fatica… pace di Cristo Gesù!

Per esempio…

la responsabilità come dovere di ponderare e di rispondere del proprio agire. l’elemento conoscitivo, volitivo e affettivo. la dimensione soggettiva, oggettiva e trascendente. la responsabilità verso se stessi, verso l’altro, verso terzi.

INTERESSANTE commento… ogni membro della chiesa è un infermiere!

È quella figura sanitaria che è per la maggior parte del tempo insieme al malato e quindi deve essere in grado di FORNIRE le giuste RISPOSTE ai suoi BISOGNI. È il principale mediatore a cui la persona malata si appoggia per INTERFACCIARSI con la struttura sanitaria e gli altri operatori. La comunicazione è quello strumento a cui deve ricorrere per RIDURRE l’APPRENSIONE e il TIMORE del MALATO. Deve ponderare la QUANTITÀ’ di tempo che dedica alla comunicazione con il paziente, unita alla QUALITÀ’ della relazione comunicativa.

l’insieme di tutto:

Gesú gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita;
nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
Giovanni 14:6 (LND)

pastore@Antioca.it