d'ccord!

IL BATTESIMO D'ACQUA
Il modo scritturale per il battesimo è per immersione, ed è soltanto per quelli che si sono pienamente ravveduti, che si sono allontanati dai loro peccati e dal loro amore per il mondo; dovrebbe essere amministrato da un ministro del Vangelo autorizzato, in ubbidienza alla Parola di Dio, e nel nome del nostro Signore Gesù Cristo, secondo gli Atti degli apostoli 2:38; 8:16; 10:48; 19:5; adempiendo ed ubbidendo così Matteo 28:19.
IL BATTESIMO DELLO SPIRITO SANTO
Giovanni Battista, disse in Matteo 3:11: "…Egli vi battezzerà con lo Spirito Santo e con il fuoco". 
Gesù disse, in Atti 1:5: "…voi sarete battezzati con lo Spirito Santo fra non molti giorni".
Luca ci dice in Atti 2:4: "…E tutti furono ripieni dello Spirito Santo, e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro d'esprimersi".
I termini "battezzati con lo Spirito Santo e con fuoco", "ripieni dello Spirito Santo", e il "dono dello Spirito Santo" sono termini simili, utilizzati nella Bibbia.
E' scritturale aspettare che tutti quelli che ricevono il dono, o il battesimo dello Spirito Santo ricevano lo stesso segno iniziale di parlare in altre lingue.
Il parlare in altre lingue, come in Atti 2:4, 10:46 e 19:6, e il dono delle lingue, come è spiegato il I Corinti, capitoli 12 e14, sono uguali in essenza, ma diversi in uso e proposito.
Il Signore, tramite il profeta Gioele, disse: "…Io spanderò il mio Spirito sopra ogni carne…" (Gioele 2:28).
Pietro, spiegando questa esperienza fenomenale disse: "…avendo ricevuto dal Padre la promessa dello Spirito Santo, (Gesù) ha sparso quello che ora vedete e udite" (Atti 2:33).
Inoltre: "…La promessa è per voi, e per i vostri figlioli, e per tutti quelli che sono lontani, per quanti il Signore Iddio nostro ne chiamerà" (Atti 2:39).
www.Antioca.it